Aiuto! Aiuto! Ma non c’è nessuno

Intorno alle 15.30 di ieri, sabato 29 maggio, alcuni escursionisti, che stavano camminando lungo il sentiero 250 che da Conca dei Parpari porta a Malga Malera, hanno sentito provenire da est delle grida di aiuto senza però riuscire ad individuarne l’esatta fonte. Preoccupati, hanno deciso di allertare il 118 di Verona che ha inviato sul posto l’elicottero per una ricognizione dall’alto. L’elicottero ha sorvolato tutta la zona con esito negativo.

La centrale di Verona Emergenza ha, quindi, attivato le squadre del Soccorso Alpino, i Vigili del Fuoco e i Carabinieri di Boscochiesanuova per delle ulteriori verifiche.

Una squadra mista di tecnici della Stazione Alpina e di quella Speleologica è quindi partita per cercare di capire cosa fosse successo. Parte della squadra ha cominciato a verificare il versante che dal sentiero 250, all’altezza delle grandi reti metalliche di protezione, scende verso Giazza mentre un tecnico della stazione speleo è salito a piedi da Giazza lungo il sentiero 279, in direzione Malga Terrazzo.

I Vigili del Fuoco, nel frattempo, hanno richiesto anche l’intervento del loro elicottero che, decollato da Mestre, ha perlustrato ulteriormente tutta la zona elitrasportando, poi, a Malga Terrazzo due tecnici del CNSAS. Questi, ricongiuntisi con il tecnico salito da Giazza, sono scesi lungo una vecchia traccia non molto distante dal sentiero 277.

Tutte le verifiche hanno dato esito negativo e le operazioni si sono concluse verso le ore 20.30 con rientro alla base operativa intorno alle 22.00

Ricordiamo che il segnale di richiesta di aiuto, riconosciuto a livello internazionale, è di 6 fischi in un minuto (uno ogni 10 secondi). Invitiamo quindi tutti gli escursionisti a dotarsi di fischietto (costa poco, pesa niente e permette un suono più riconoscibile e potente) e di attenersi a questa convenzione. In questo modo potremo evitare situazioni non chiare come quella di ieri.

Inoltre è importante sapere che chiamare aiuto senza reale necessità, secondo l’articolo n°658 del Codice Penale,  è reato punito dalla legge.

Foto © Giacomo Zoccatelli – Lorenzo Lupi – Umberto Furioni – Roberto Morandi – CNSAS SASV Stazione di Verona

IMG_4385

IMG_4391

IMG_4393

IMG_4399

IMG_4400

PHOTO-2021-05-29-22-50-59

PHOTO-2021-05-29-22-51-02

PHOTO-2021-05-29-22-51-03

PHOTO-2021-05-29-22-51-53

IMG_4404